WEDDING STATIONERY- DIFFERENZE TRA PARTECIPAZIONI E INVITI- LE NUOVE TENDENZE

Cara futura sposa,

Non sai proprio come far capire a quella tua zia lontana che parteciperà soltanto alla cerimonia del tuo matrimonio? ; Vorresti che la tua wedding stationary sia super di tendenza?

Tutto quello c’è da sapere sulla wedding stationery e sulla differenza tra partecipazioni ed inviti, in quest’unico post!

Buon pomeriggio mia cara sposa e benvenuta sul mio blog!🤗

Nonostante sia martedì, oggi ho occasionalmente interrotto la mia rubrica “NoCopy”,  che tratta delle paure delle spose legate all’organizzazione del loro matrimonio, per dedicarmi alla scrittura di un post completamente dedicato alla wedding stationery, alla differenza tra partecipazioni e inviti e le nuove tendenze a riguardo.

A seguito di un mio post specifico, infatti, in tante mi hanno scritto in privato su instagram, sulla pagina Facebook e anche sul gruppo chiuso dedicato alle Spose Nocopy (se non sei ancora iscritta puoi farlo cliccando qui), affinché spiegassi loro cos’è la wedding stationery e appunto la differenza sottile che c’è tra l’invito e partecipazione.

Anche tu senti spesso questo termine e vuoi sapere di cosa si tratta? In più, vorresti trovare la soluzione migliore per comunicare a quella tua zia lontana che non vedi da anni che sì, non le negherai certo di vederti vestita di bianco, ma che potrà farlo solo partecipando alla cerimonia in chiesa o al rito civile?!

Allora questo post è adatto a te!

E’ con immenso piacere, infatti, che tratto di questo argomento in quanto, sono sempre di più le spose alle quali mi approccio che mi chiedono di saperne di più e poi, è sempre bello poter dare un consiglio utile o spiegare qualcosa di specifico riguardo il mio lavoro. Soprattutto quando siete voi a chiedermelo.

Allora, iniziamo da lei: La Wedding Stationery.

“Stationary” in inglese vuol dire “cartoleria” ed è per questo che, questo termine, è stato scelto per definire tutti gli elementi cartacei che caratterizzano il matrimonio (lo stesso vale per degli eventi più formali).

Gli elementi che compongono una tipica Wedding Stationary sono: i Save The Date (che vanno inviati circa 10 mesi prima del matrimonio), le partecipazioni, gli inviti, il libretto per la cerimonia, il seating plan, il menù, i tag delle bomboniere e i biglietti di ringraziamento. Come vedi, un bel po’ di materiale.

Naturalmente, tutti questi elementi che compongono la wedding stationery, devono essere scelti con cura e devono seguire tutti la stessa linea guida ispirandosi ed esprimendo quello che è lo stile che vuoi dare al tuo matrimonio.

Come ci suggeriscono alcuni wedding stationery specialist and producer del settore, per trovare un motivo comune, ciò che prima di tutto si deve scegliere è il tipo di linguaggio e la grafica, prestando particolare attenzione alla palette di colori. Questa dovrà essere la stessa combinazione di colori che si adotterà per il resto delle decorazioni.

Quindi, il mio primo consiglio è soprattutto quello di rivolgerti non ad un grafico qualunque, ma un esperto di wedding stationery che ti darà la possibilità di personalizzare al massimo il tuo set cartaceo, creando anche un logo o un’illustrazione che ti rappresenti, e che sappia valorizzare ed esprimere nella tua wedding stationery lo stile ed il mood del tuo matrimonio.

Passiamo invece alla differenza tra inviti e partecipazioni.

La differenza tra invito e partecipazione serve a distinguere e dividere coloro che vuoi invitare solo alla cerimonia di nozze da chi desideri invitare anche al ricevimento/banchetto.

PARTECIPAZIONI

Le partecipazioni sono il biglietto da visita del tuo matrimonio. Devono rappresentare te, ciò che vuoi comunicare nel giorno del tuo matrimonio e quindi, inevitabilmente dello stile che hai scelto. Le partecipazioni di nozze sono composte da un cartoncino attraverso il quale si annuncia il proprio matrimonio agli amici ed ai parenti più lontani i quali, se vorranno, potranno venire ad assistere alla cerimonia in chiesa o al rito civile, ma non al ricevimento. Sul cartoncino che si sceglie, infatti, ci sono tutte le informazioni: il nome di chi dà la comunicazione (gli sposi o i genitori degli sposi) , il nome completo degli sposi e il luogo della cerimonia con l’indirizzo.

Da tradizione, le partecipazioni servono ad annunciare che due persone si apprestano ad unirsi in matrimonio. Un tempo, l’annuncio era affidato ai genitori della sposa. I loro nomi erano collocati in alto a sinistra, i nomi di quelli dello sposo in alto a destra, più in basso al centro orario, data e luogo della cerimonia, sotto l’indirizzo dei futuri sposi, più in basso a sinistra l’indirizzo dei genitori della sposa, a destra l’indirizzo dei genitori dello sposo. L’annuncio moderno, invece, viene fatto dagli sposi stessi. Sulla partecipazione: a sinistra andrà scritto nome e cognome dello sposo, sulla destra nome e cognome della sposa, più in basso al centro orario, data e luogo della cerimonia, sotto il nuovo indirizzo della coppia.

Le Partecipazioni vanno inviate circa 4 mesi prima dalla data del matrimonio, possono sembrare tanti, ma in realtà non lo sono. Le persone si devono preparare mentalmente al tuo matrimonio.

Secondo il bon ton è importante che i nomi sulle buste non siano battuti a macchina o stampati. Vanno sempre trascritti a mano, in bella calligrafia. Si prediligono fogli in carta d’Amalfi. Naturalmente, queste formalità non vengono quasi più rispettate, carinissime e moderne infatti, sono i nuovi trend delle partecipazioni che rappresentano la stessa grafica stampata o addirittura in acquerello del matrimonio.

Non a caso, è giusto che sia così dal momento che le partecipazioni devono lasciar intendere, velatamente, quello che sarà lo stile del matrimonio 

INVITI

Gli inviti del matrimonio sono dei cartoncini che vengono invece aggiunti alla partecipazione, più piccoli, che invitano chi lo riceve, oltre che a partecipare alla cerimonia e/o rito, a prendere parte anche alla festa, ovvero al ricevimento.

Gli inviti sono meno formali e prevedono un biglietto più piccolo, dove figurano solo i nomi degli sposi seguiti da una frase di rito del tipo “dopo la cerimonia, saranno lieti di salutare parenti ed amici presso…”, seguita dal nome e dall’ indirizzo del luogo dove si terrà il ricevimento.

Non ti dimenticare di indicare in un angolino in basso a destra la sigla R.S.V.P. (dal francese Repondez S’il Vous Plaît, rispondete per favore), che invita a confermare la presenza. Qualcuno suggerisce addirittura di inserire il numero di telefono e una data entro la quale rispondere, cosa che io suggerisco di fare, soprattutto se non si vuole impazzire con le rinunce e le aggiunte dell’ultimo minuto ma, il galateo ravvisa in quest’ultima pratica una forma di scortesia nei confronti dell’invitato, che se educato, dovrebbe rispondere a prescindere senza che qualcuno glielo suggerisca in maniera tanto perentoria. Se la location prescelta per i festeggiamenti del matrimonio è fuori città, un servizio utile da rendere agli invitati è quello di far stampare sul retro dell’invito una piccola mappa con le indicazioni su come raggiungere il posto.

La differenza tra invito e partecipazione presuppone anche un diverso comportamento da parte dell’invitato il quale, se riceve la sola partecipazione, non è tenuto a fare un regalo, per cortesia può inviare un telegramma, dei fiori o un biglietto con gli auguri. Se insieme alla partecipazione giunge anche l’invito, il regalo è d’obbligo anche nel caso in cui non si parteciperà al ricevimento.

TENDENZE

Sicuramente in questi ultimi anni abbiamo visto un grande sviluppo delle partecipazioni, per fortuna non più considerate come “solo carta”. Da semplici cartoncini bianchi, si è passati alla creazione e personalizzazione di partecipazioni davvero fantastiche. Nonostante si sia sperimentato molto in questi anni danno sfoggio di partecipazioni davvero belle, innovative e creative, le opzioni sono comunque infinite, soprattutto se si pensa che ogni partecipazione a sé, proprio come il matrimonio.

Vediamo insieme quali sono i trend in campo di partecipazioni e più in generale per la wedding stationery, che si riconfermano o che fanno il loro debutto nel mondo del wedding.

  • SI AI DISEGNI MODERNI E A GRAFICHE GEOMETRICHE. Freschi, moderni e alternativi, sono i disegni e le grafiche geometriche sempre più apprezzati e adatti a coppie che scelgono di seguire, per il loro matrimonio, uno stile minimal ma che lasci il segno.
  • ROMANTICI ACQUERELLI. Di tendenza le pitture ed i disegni ad acquarello, romantici e d’altri tempi. Che raffigurino dei fiori, scorci di paesaggi, della location o siano delle semplici pennellate, gli acquerelli sono sicuramente il trend più apprezzato dalle spose 2018/2019.
  • EFFETTO MARMO. Il trend più ispirato allo stile d’oltreoceano, invece, è sicuramente il marmo vero o simulato. La sua trama caratteristica è adatta a quei matrimoni che puntano tutto sull’ eleganza e sulla raffinatezza, con una certa ricerca del particolare, soprattutto per quanto riguarda l’allestimento. Il marmo, infatti, si presta a vari abbinamenti che lo rendono adatto a diversi stili di matrimonio, dal romantico al moderno.
  • TROPICAL STYLE. Se siete una coppia allegra, giovane e appassionata di viaggi, la tendenza dei fiori tropicali fa al caso vostro! La grafica ispirata a fiori e piante dei tropici è senza dubbio uno dei trend che andrà per la maggiore nel 2018. Un gioco di forme e colori tra fiori e fogliame. Solitamente, i colori più utilizzati sono quelli della natura (primo su tutti il verde) del cielo e del mare (il blu in tutte le sue sfumature); senza dimenticare i vividi toni di stupendi fiori coloratissimi. Se vuoi lasciare il segno e stupire i tuoi invitati non rinunciate a una scelta così giovane e all’avanguardia.
  • MAIOLICHE. Che siano dipinte a mano su dei cartoncini, o su mattonelle, le maioliche sono sicuramente le partecipazioni più richieste di questa stagione estiva. Colorate e di gran classe, sono perfette per un matrimonio in Amalfi coast style. Lo stile che preferisco…lo so, sono di parte!
  • DOLCI PARTECIPAZIONI. Trend ancora poco conosciuto ma che sta decisamente spopolando sono le sweet wedding invitations ovvero, partecipazioni consegnate in apposite scatole personalizzate contenenti all’interno dei confetti, o anche dei macarons. Naturalmente, sono delle partecipazioni che si consiglia di dare a mano. Sono però molto apprezzate dai riceventi che possono poi utilizzare la scatola anche successivamente al matrimonio, ad esempio come portagioie.
  • MATERIALI PARTICOLARI. Chi lo dice che una partecipazione deve essere per forza un cartoncino? Sono sempre di più  i wedding stationary producers che si sono specializzati nella creazione e personalizzazione di partecipazioni su lastre di marmo, di plex, e in vellum peper. Perfette per chi decide di osare restando comunque eleganti.
  • MUST HAVE: Non potrà mai passare di moda in quanto partecipazione per eccellenza e sinonimo di eleganza e raffinatezza, la partecipazione personalizzata con la chiusura in cera lacca portante le iniziali degli sposi. Semplice e romantica.
  • SOCIAL INVITATIONS: Visto che siamo nell’era 2.0, non sottovalutare la possibilità di creare gratuitamente un mini sito e tramite sito ed e-mail, invitare gli amici ma anche i parenti. E’ sicuramente una partecipazione inusuale, originale e perfetta per una coppia super social.

Spero che, con questi miei consigli e piccole spiegazioni, ti sia stato d’aiuto.

Cosa ne pensi dell’articolo? Ti farebbe piacere saperne di più circa i Save The Date e gli altri elementi della wedding stationery? 

Fammelo sapere lasciandomi un commento qui sotto!

Ciaoooo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *