[NOCOPY] – E SE SI ROMPE IL VESTITO DURANTE IL MATRIMONIO?

Mia cara sposa,

Hai paura che il tuo abito si rompa durante il matrimonio?

Keep Calm

Ecco tre consigli che ti aiuteranno e probabilmente salveranno il tuo abito!

________________________________________________________________________________

Buon pomeriggio mia cara sposa e lettrice del mio diario online,

Oggi voglio parlarti di una preoccupazione che, proprio pochi giorni fa, mi ha mosso una mia sposa: La PAURA CHE L’ABITO DI ROMPA.

L’abito da sposa, è forse il vestito più bello che ogni donna abbia mai indossato nella sua vita.

E’ l’abito che ogni donna ha sempre sognato e desiderato. E’ quell’abito che, una volta che l’hai trovato e indossato, ti ha fatto sentire bella ed unica come una principessa.

Immagino sia un’emozione bellissima! Figurati che lo è stato anche per me, quando ho indossato l’abito da sposo e quando ho visto mia moglie bellissima in quel suo abito bianco. Immagino quanto lo sia stato per te (e le spose in generale) quando lo hai indossato!

Voi spose siete delle romantiche sognatrici! 😍 E con indosso quell’abito penso vi sentiate fiere,felici ed invincibili. Lo percepisco dagli occhi di tutte le mie spose quando me lo raccontano.

Poi, è inutile negarlo, immagino che anche tu, sin da bambina hai pensato: “Chissà come sarà il mio abito da sposa”, immaginandoti con un voluminoso e principesco abito bianco.

Naturalmente si sa, crescendo i sogni si ridimensionano e gusti si vanno meglio delineando ma, l’emozione che probabilmente hai provato quando hai indossato il tuo abito da sposa (sia esso un modello principesco o uno a sirena), è la stessa che provavi quando da piccola quando, giocando, indossavi le scarpe con il tacco di tua madre con un lungo lenzuolo bianco a mò di vestito e ti sentivi una bellissima principessa in groppa ad un cavallo bianco.

Ebbene, capita spesso che, a pochi mesi dal matrimonio, l’abito l’hai trovato, l’emozione di sentirti come una principessa l’hai provata e ancora c’è, ma una domanda ti preoccupa e ti turba: “Se il giorno più bello della mia vita l’abito dei miei sogni si rompesse?” 😥 😱

Come ti accennavo all’inizio del post, questo tipo di preoccupazione mi è stata fatta presente proprio pochi giorni fa da una mia sposina. Lei, di nome Sabrina, è una principessa in tutti i sensi: elegante, romantica ma anche dal carattere forte e deciso, ha scelto per il suo matrimonio un abito unico, principesco, che la rispecchia totalmente. E’ l’abito dei suoi sogni, anche più bello di come lo immaginava.

Desidererebbe indossare quell’abito tutti i giorni, lo adora! Ecco perché la sua paura più grande è quella di romperlo! La capisco, ed è giusto che una sposa si preoccupi per il suo abito. D’altronde è l’abito dei desideri!.

Naturalmente, la prima cosa che le ho detto è di stare tranquilla e di pensare positivo perché, se si pensa positivo si attrae positività! E’ una cosa che cerco di dire a chiunque mi circondi. Ma, mai dire mai, gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo quindi mi è sembrato giusto darle dei miei umili CONSIGLI a riguardo:

  • AVERE UN KIT DA CUCITO. Sembra scontato dirlo, eppure non è così! Molte spose, soprattutto quelle che non si affidano a degli organizzatori di matrimonio che di questi problem solving ne fanno il pane quotidiano, prese da mille cose a cui pensare e naturalmente dall’emozione, si dimentano di avere sempre con sé un kit da cucito. Questo, contenente ago, filo, spille da balia e bottoni è fondamentale perché: infilare male una spallina, fare una mossa azzardata o anche solo corrispondere il vigoroso abbraccio di un’amica, potrebbe causare qualche trauma all’abito. Con un po’ di ago, filo e le mani magiche di una sarta di famiglia o della/del professionista che vi cura il matrimonio, tutto andrà al proprio posto poi, come dicono i topini nel cartone di Cenerentola: “Con un bel nastro intorno, e del punto a giorno, potrà alla festa andare, divertirsi e ballare e sarà fra tutti quanti la più bella!”
  • AVERE UN ABITO PER CAMBIO: Il 90% delle volte non capita ma, se sei così sfortunata da rovinare COMPLETAMENTE l’abito dei tuoi sogni (come quelle povere sposine che cadono in piscina bagnandosi completamente 😱), non farti prendere dal panico! La soluzione è quella di provvedere a un SECOND DRESS, un abito di ricambio. Potrete sempre dire ai tuoi invitati che hai voluto cambiare l’abito sfoggiandone uno più adatto a quel momento. D’altronde sei la protagonista indiscussa di quella giornata e tu puoi tutto!
  • IMPARARE A GIRARE E RICORDARSI DI NON INDIETREGGIARE: Sai qual è il modo in cui più facilmente le spose rompono i loro abiti? Inciampando in essi. Questo capita soprattutto con modelli di vestiti molto ampi e con uno strascico molto lungo. Per evitare di girarti e di incastrarti con il tacco nella stoffa, il segreto è volteggiare: ‘per girare devi aiutarti con la mano. Immagina di voler girare a sinistra, con la mano destra prendi saldamente il tessuto nel punto in cui naturalmente cade sulla gamba dietro e portalo in avanti mentre giri, con forza e decisione’. Ti consiglio di provare questo movimento anche a casa. Infine, alla sposa è vietato indietreggiare: ‘la sposa va sempre e solo in avanti e casomai gira, ma non indietreggia mai’, soprattutto se l’abito ha la coda e camminare all’indietro può farti inciampare.

Infine voglio lasciarti con questa news:

Lo sai che esiste una nuova moda che vuole l’abito da sposa si rompa?! Eh gia, si chiama “trash the dress” (letteralmente rovina o distruggi l’abito) e consiste nel realizzare un servizio fotografico post cerimonia in ambientazioni un po’ insolite od originali mettendo a dura prova l’integrità dell’abito da sposa stesso. Puoi leggere più info a riguardo qui: https://www.guidasposi.it/l-abito-da-sposa-non-si-conserva-piu-ma-si-sporca-o-si-distrugge-con-la-moda-del-trash-the-dress/

Quindi, mia cara sposa, puoi sempre dire di essere al passo con le tendenze 😜

Spero che tu abbia trovato questi consigli utili! Se puoi suggerirne altri alle spose che leggeranno questo post, nei commenti, sarò felice anche io di leggerli!

Ciaoooo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *