PERCHE‘, SEGUIRE LA MODA E LE TENDENZE, NON TI AIUTERA’ A REALIZZARE UN MATRIMONIO DA SOGNO

Quante volte ti sei ritrovata ad acquistare un paio di scarpe o un pantalone che all’inizio magari nemmeno ti piaceva, solo perché lo vedevi indosso a tutti quelli che conoscevi?!

Prima di acquistarlo l’avrai visto talmente tante volte sui social o indosso alle persone che ti circondavano che, da quando non ti piaceva neanche un po’, la tua mente ha iniziato ad adorarlo e a desiderarlo.

Beh questo succede anche quando si parla di organizzazione del matrimonio e soprattutto di allestimenti.

Scopri perché leggendo questo post!

Questo fine settimana conto con mia moglie di dedicarmi ad un po’ di shopping!

A lei piace molto acquistare borse ed accessori vari e a me piace renderla felice. Ogni volta che esce dal suo negozio preferito con la sua nuova borsa, sfoggia un sorriso smagliante che emana luce e m’ irradia di felicità!

Naturalmente anch’ io non scherzo! Anche a me piace gironzolare per i negozi alla ricerca di outfit originali e alienarmi nelle piccole botteghe mentre cerco pezzi unici e vintage.

Se mi segui da un po’ forse avrai notato che ho un carattere esuberante ed io mi ritengo anche un uomo particolarmente originale ed eccentrico.

Queste mie caratteristiche sono particolarmente evidenti (d’altronde non è che io possa nasconderle) e si deducono soprattutto dal mio abbigliamento.

Se non mi hai mai incontrato prima (e spero tu lo faccia presto), sappi che non sono l’imprenditore in giacca e cravatta che nell’armadio ha lo stesso completo elegante nelle diverse gradazioni di blu, grigio e nero. Mi piacerebbe pure essere così elegante come gli altri ma non mi ci vedo proprio, non è un abbigliamento che mi rispecchia!

Piuttosto preferisco indossare pantaloni modello capri colorati, camicie dal decoro e dalla grafica particolare, scarpe comode ma dai colori sgargianti e giubbini vintage modello bomber.

Diciamo che il mio abbigliamento si può facilmente paragonare ad un milkshake!

Però ho uno stile tutto mio che rispecchia appieno la mia personalità! Di questo ne vado particolarmente fiero. Sono molto contento di avere tanta personalità da non seguire forzatamente la moda ma piuttosto di farla mia e plasmarla secondo i miei gusti.

E a me piace così! Spesso mi rendo conto che affascina e piace anche ad altri.

Penso che ognuno di noi dovrebbe abbigliarsi secondo quelli che sono i gusti personali e soprattutto secondo ciò che, indossato, ci faccia sentire perfettamente noi stessi e a nostro agio!

Sono stato così sin da bambino.

Ricordo perfettamente i miei 14 anni…anni in cui mi sentivo particolarmente bello, dannato ed invincibile. Avevo nell’armadio una maglia preferita (chi non l’ha mai avuta?): una t-shirt della Guru di color verde acido.

La ragione del mio sentirmi tanto affascinante quanto George Clooney.

Lo so, lo so… ti starai chiedendo: “Come può qualcuno sentirsi affascinante con un evidenziatore addosso?” – Non lo so, sto provando in tutti i modi a ricordarlo anch’io ma proprio non ci riesco.

Se ci penso, rabbrividisco al solo pensiero di quel colore. Eppure all’epoca ne ero proprio affezionato! Per anni non ho avuto il coraggio di cestinarla, custodendola gelosamente!

L’adoravo e appena ne avevo l’opportunità la indossavo spesso (anche nelle occasioni importanti, con il disappunto dei miei genitori) perché mi faceva sentire sicuro di me stesso. Nonostante fosse di un verde orribile, ricordo comunque che quando l’indossavo riuscivo a far colpo su molte ragazzine della mia scuola e comitiva!

Da lì ho capito che se ti senti bello ed affascinante, lo sarai per davvero!

Oppure che il verde acido dovrebbe ritornare di moda per gli uomini perché si è scoperto che aiuta ad avere successo negli approcci conoscitivi col sesso opposto.

Ora ho abbandonato il color verde acido e probabilmente mia madre stessa avrà sciolto nell’acido quella maglia appena ne ha avuto l’occasione, ma la mia predisposizione ad indossare un abbigliamento particolare ed originale non mi ha abbandonato, per fortuna!

Insomma…è una delle tante cose che penso mi caratterizzi e non potrei fare a meno di essere anti-convenzionale e risultare anche strano per qualcuno.

Al party (da me organizzato) del compleanno del mio amico e produttore Mediaset Nando Moscariello, che si è svolto a Roma circa una settimana fa, ho infatti indossato una camicia di Versace… per nulla sobria ovviamente. D’altronde parliamo di Versace.

Io sono sempre alla ricerca di capi d’abbigliamento unici che mi rispecchino. Dovrebbe essere così per ogni cosa e in ogni ambito. Ognuno di noi dovrebbe seguire il suo stile e dare libero sfogo alla propria personalità senza dover pensare troppo a cosa direbbero o penserebbero gli altri.

A tal proposito, stamattina pensavo che se ognuno di noi dovesse abbigliarsi secondo quelli che sono i gusti personali e soprattutto secondo ciò che lo faccia sentire a suo agio, perché tutto questo dovrebbe essere diverso quando si parla di MATRIMONIO?

Perché, quando si parla di matrimonio e nello specifico dell’allestimento del matrimonio, non dovremmo seguire quelli che sono i nostri gusti personali piuttosto che quelli che ci impone un’altra persona ?!

Perché dovremmo sentirci costretti a seguire le tendenze che ci arrivano oltreoceano o che ci propina Pinterest?

Un matrimonio, per essere veramente unico, originale e suscitare un’emozione, deve rispecchiare lo stile e la personalità della coppia.

Se sei una sposa e stai leggendo questo post voglio darti un consiglio: diffida da chi ti dice che il trend del momento è lo stile Rockabilly o quello Country (di cui spesso non conoscono nemmeno quali siano le caratteristiche peculiari di ognuno di essi9 e che, per essere il tuo matrimonio unico e risultare originale, dovresti per forza seguire tali trends!

PER ESSERE VERAMENTE ORIGINALE, IL TUO MATRIMONIO DEVE RISPECCHIARE IL TUO STILE E LA TUA PERSONALITA’.

Non credere a chi ti dice il contrario perché se lo fa NON è un vero PROFESSIONISTA. Certo, bisogna sempre essere aggiornati sulle tendenze del proprio settore, ma non bisogna imporle o partire PER FORZA da quello stile o da quel mood in particolare per realizzare un matrimonio WOW.

Un trend si può consigliare e adattare alle esigenze e alla personalità degli sposi, lo si può estendere a tutti i dettagli del matrimonio caratterizzandoli, ma non si deve imporre o seguire alla lettera senza che ci sia un nesso, un mood, tra esso e gli sposi solo perché “è la tendenza dell’anno ed io devo fare un matrimonio che la segua!”

Di solito è così che pensano i NON PROFESSIONISTI, fregandosene dei propri clienti.

Lo sai perché?

Beh perché piuttosto che capire le tue reali esigenze, i tuoi sogni e desideri circa il giorno più bello della tua vita, stanno solo cercando di venderti un loro prodotto/servizio.

E spesso si cade in questa trappola, me ne rendo conto! Ed accade perché noi siamo irrimediabilmente INFLUENZATI ed intendo proprio nel significato negativo del termine!

Per qualsiasi ed in qualsiasi cosa, noi siamo influenzati dalle mode del momento e da ciò che ci propinano i social.

Spesso, pur di essere al passo con il trend del momento, ci capita (anche nelle cose più banali) di “adattare” noi stessi a tendenze e mode che nemmeno ci piacciono più di tanto.

Quante volte ti sei ritrovata ad acquistare un paio di scarpe o un pantalone che all’inizio magari nemmeno ti piaceva, solo perché lo vedevi indosso a tutti quelli che conoscevi?!

Prima di acquistarlo l’avrai visto talmente tante volte sui social o indosso alle persone che ti circondavano che, da PENA che ti faceva, la tua mente ha iniziato ad adorarlo e a desiderarlo.

Beh questo succede anche quando si parla di organizzazione del matrimonio e soprattutto di allestimenti.

Quante volte hai pensato: “No non farò mai composizioni di fiori opulente perché non mi piaccio” o “Non utilizzerò mai l’oro” e poi, vedendo le immagini su Pinterest o le foto di allestimenti e matrimoni sui social o magari di quella ragazza che proprio non sopporti hai cambiato idea pensato tra te e te “Cavolo, l’ha fatto pure lei questa cosa…la voglio anch’io!”?

Certo, non è detto che non si possa cambiare idea o che sia sbagliato che una futura sposa si informi circa le novità e le tendenze del settore e che inizi a prendere un po’ spunto su come preferirebbe l’allestimento del suo matrimonio. Il problema è un altro!

Il problema principale è che spesso tutto questo non è il reale desiderio della sposa, piuttosto è l’effetto d’influenza negativa sorbita dai vari social e dalle varie “consulenze” con i non professionisti (che spesso possono essere, per la sposa, anche amiche e familiari). In tale situazione potrebbe infatti capitare che la sposa si senta in dovere di rinunciare al matrimonio elegante ma raffinato in total white che aveva sempre immaginato perché magari non è di tendenza o perché rispetto a quello delle sue amiche o di qualche suo familiare, apparirebbe mediocre, poco originale…

Ed io mi chiedo PERCHE’? Perché c’è bisogno di seguire così tanto la moda fino a lasciarci guidare ed influenzare dalle nuove tendenze pur di dire agli altri IO HO SCELTO LO STILE BOHO PERCHE’ SONO AGGIORNATA E HO SCELTO LO STILE DEL MATRIMONIO DI MILEY CYRUS, UNA VERA E NUOVA TENDENZA!

L’allestimento e le decorazioni del matrimonio dovrebbero venire fuori da tutt’altro!

Il fatto è che io ti capisco bene! Tutto questo non accade per colpa tua, ma soprattutto a causa di tutti quegli operatori NON PROFESSIONISTI che quando si interfacciano con degli sposi, non fanno altro che parlare di quanto loro siano aggiornati su tutti i nuovi trend e mostrargli foto prese da Pinterest o addirittura rubate a quelli che sono i veri professionisti (ovvero quelli con cui io collaboro)!

Senza interessarsi di conoscere i veri sogni e desideri degli sposi…di capire il loro stile!

La creazione di un progetto, per me e per la maggior parte dei veri professionisti, parte dagli sposi e con gli sposi e non dalle immagini di Pinterest. Il consiglio che ti do quindi è di usarlo con parsimonia e non considerarlo la Bibbia del wedding design e di SCAPPARE A GAMBE LEVATE se ti trovi a conversare con un qualche presunto “professionista” che vuole venderti dei pacchetti, degli stili per il matrimonio già confezionati!

Non è così che funziona!

Ogni coppia, ogni sposa ha una propria personalità e un proprio stile non si può racchiudere tutto in qualcosa di già predefinito.

Questa era successo a Ginevra. Una sposa che meno di 3 giorni fa è stata ospite alla mia Factory 2.0.

Ginevra è un’influencer amante degli animali e per questo è andata subito molto d’accordo con Laura e Chiara, le mie due collaboratrici che impazziscono per cani e gatti (qualche volta sono sicuro che me ne faranno trovare qualcuno in ufficio).

Si sposerà nel 2020 con Alessandro, un giovane biologo. Sono entrambi amanti della natura ma nonostante il lavoro di lei, si definiscono poco creativi e fantasiosi…soprattutto quando hanno dovuto pensare a progettare il proprio matrimonio. Cosa, questa, che li ha portati per ben 6 mesi precedenti al nostro incontro a rivolgersi a diversi operatori del settore.

Mi hanno raccontato di essere stati ospiti nelle più lussuose location d’Italia, di essere stati presenti ai salotti e negli studi dei più conosciuti allestitori d’Italia ma che, nessun “professionista” al quale si erano rivolti, aveva capito il LORO STILE e la loro idea di allestimento per il matrimonio.

Volevano qualcosa di meraviglioso, originale, stravagante che potesse far letteralmente impazzire amici e familiari ma che allo stesso tempo parlasse di loro e della loro storia d’amore.

Nessun progetto che fino ad ora avevano avuto modo di valutare, faceva al caso loro. Sai perché? Facile, ora ti illustro tutto.

Dopo una semplice chiacchierata avuta con il professionista di turno (per la quale sono stati anche pagati profumatamente), Ginevra e Alessandro lasciavano con il cuore pieno di speranza e tanta felicità l’ufficio, contenti di aver conosciuto, finalmente qualcuno che li ascoltasse e che sembrava avesse compreso i loro desideri.

Fin qui, starai pensando, sembra quasi uno scenario idilliaco. Questo infatti è soltanto quello che loro immaginavano ma non la realtà!

Per ben 5 volte, Ginevra e Alessandro sono stati delusi da chi doveva seguirli per l’allestimento del matrimonio. Ogni volta che ritornavano in quegli uffici e studi, non vedevano i bozzetti del progetto del loro matrimonio!

Ti stai chiedendo come sia possibile? Facile…esistono degli operatori che non fanno altro che documentarsi su quelle che sono le nuove tendenze e la nuova moda, per poi metterle tutte insieme in un progetto da proporre al cliente.

Senza nemmeno dar peso a ciò che gli sposi, settimane prima, avevano detto di volere e/o immaginare.

Dov’era finita la personalizzazione? Dov’era possibile evincere la personalità degli sposi?!

I presunti professionisti non avevano fatto altro che sviluppare un progetto ed un moodboard proprio come si acquista un tailleur da Zara, come si dice a Napoli: “Già bello e fatto” ovvero già confezionato è proporlo alla coppia.

Quando Ginevra venne da me era davvero esausta e Alessandro molto sconfortato e triste di vedere la sua fidanzata e futura moglie così avvilita.

Poi le spiegai che tutto questo con me non sarebbe successo.

Durante il nostro incontro, infatti, le spiegai del mio metodo EVENTRIX; un metodo TESTATO E INFALLIBILE, che si basa sull’individuazione scientifica dello stile dell’allestimento del matrimonio adatto alla sposa, grazie allo studio della sua personalità.

Inoltre, si tranquillizzò quando capii che ogni allestimento da me pensato e realizzato deve essere diverso sia da quello che propone il mercato (perché indubbiamente saranno cose che vedremo e rivedremo a tutti i matrimoni), sia naturalmente da quello delle altre spose. UN ALLESTIMENTO NON PUO’ ESSERE UNA FOTOCOPIA. Ogni volta nuovo, ogni volta originale, ogni volta INEDITO, ogni volta PERSONALIZZATO!

In più, L’ALLESTIMENTO NON LE SAREBBE STATO SCONOSCIUTO fino al giorno del matrimonio. Infatti, Ginevra ed Alessandro, oltre a vedere i bozzetti grafici e realizzati a mano dell’allestimento, nel Wedding Lab (il laboratorio creativo di 1000mq della mia azienda), con il mio team al femminile, avremmo realizzato per lei (come per tutte le nostre spose) 50 GIORNI PRIMA DEL MATRIMONIO un set con l’allestimento IN STILE del loro evento dal momento dell’aperitivo al taglio torta.

Sono molto contento che i miei due sposi abbiano lasciato contenti e soddisfatti la mia Factory e che abbiano apprezzato i miei incontri e gli step che, secondo come prevede il mio metodo, seguiremo.

Vuoi liberarti anche tu della paura di avere un matrimonio la cui bellezza potrebbe essere relegata ad una semplice tendenza e che più di rispecchiare te e il tuo futuro marito, sia l’espressione e la manifestazione di una semplice Moda?!

Allora devi assolutamente cliccare questo bottone e scoprire la soluzione per te!

Spero che il post ti sia piaciuto! Lasciami un commento qui giù!

Ciaoooo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *